Nell’ultimo weekend si sono disputati i gironi di ritorno della serie A indoor: a Pisa quello femminile con la nostra squadra, a Padova quello maschile con l’Adige. In base ai risultati il Riva disputerà fra due settimane a Rovereto il girone per le posizioni dalla 5° alla 7°, la squadra di Mori il girone per l’aggiudicazione del titolo.

Per domenica prossima 30 gennaio è in programma a Ospedaletto Euganeo la seconda giornata del girone di qualificazione per i nostri under 16. Sarà necessario battere, oltre al non forte Rovigo, anche il fortissimo Villafranca per accedere alla finale nazionale in programma a Bra per il 12/13 febbraio dove ci saranno H.C. Savona (che ha eliminato il Bra), H.C. Roma e la vincente dello spareggio  tra C.U.S. Messina e C.U.S. Pisa.

Sempre domenica 30 si disputerà al Palacus di Padova la terza tappa del circuito under 8 – 10 – 12.

Serie A femminile: bravissime !!!!!

Bellissima prova delle nostre ragazze nel ritorno di serie A di Pisa: un’altra squadra rispetto a quella timorosa e sempre in soggezione vista a Bra a metà dicembre. Sono venute ancora tre sconfitte ma al termine di tre incontri tiratissimi, nei quali il Riva ha dimostrato di aver raggiunto in così poche settimane un ottimo livello di gioco, tanta personalità e voglia di non mollare fino al fischio finale. Soltanto il Lorenzoni ci è stato superiore anche se al decimo del secondo tempo eravamo ancora sull’1-5 avendo creato tante occasioni da rete.

P1090834.JPG squadra ritoccata.JPG

La formazione di Pisa …                                           … e qualla ritoccata per Rovereto.

Con Villafranca e Pisa si è giocato direi alla pari anzi con la squadra veronese si è forse giocato meglio. Tantissime occasioni per segnare ma all’attivo la miseria di una rete su rigore. E proprio qua si è evidenziato il gap tra la nostra squadra e le avversarie: tantissime volte le nostre attaccanti si sono trovate in condizioni favorevoli per concludere a rete (tre contro uno, uno contro uno con il solo portiere) ma non ci sono riuscite mentre ogni nostra disattenzione difensiva veniva tempestivamente punita.

Le ragazze hanno dimostrato di avere assimilato bene gli schemi voluti da Patrick (anche se a dire il vero ogni tanto le sue indicazioni da bordo campo deve continuare a darle) ed hanno mostrato, anche a detta di osservatori presenti, un ottimo hockey ‘indoor’ (qualcuno ha persino affermato che la nostra è stata a Pisa l’unica squadra con un gioco programmato, con schemi e soluzioni non improvvisate).

Ora si andrà a Rovereto a giocarsi il quinto posto a livello nazionale col Cuscube (sabato 12 alle 13) e ancora col CUS Pisa (domenica 13 alle 9.30). E’ in ogni caso ufficiale che, data la rinuncia alla disputa della A da parte del S.Saba, automaticamente la squadra romana viene retrocessa alla B per cui anche nel prossimo campionato il Riva parteciperà alla massima serie.

Oltre ovviamente che fare i complimenti alle nostre ragazze per quanto di buono ci hanno mostrato a Pisa, vogliamo soffermarci su alcune considerazioni. La squadra è affiatata ed amalgamata, le ragazze vivono i momenti agonistici con estremo impegno e massima serietà, gli altri momenti  in allegria ed armonia. Anche le ragazze che sono venute da lontano a giocare con noi (Paola e Tessa da Trieste, Lilly da Padova, Femke da Bolzano) hanno contribuito enormemente alla maturazione di questo bellissimo gruppo; i loro sacrifici sono grandi dovendosi ‘sciroppare’ centinaia di chilometri per disputare qualche partita o fare qualche allenamento con le compagne e quindi da parte di tutti noi ‘rivani’ tanti complimenti ma soprattutto un grazie di cuore. La nostra speranza è ovviamente che questa avventura possa proseguire anche perché tutte le ragazze, rivane e non, hanno ancora molto da dare (e da ricevere) dal nostro sport.

P1090848.JPG P1090849.JPG

Per non commuoverci eccessivamente torniamo a Pisa. Incontriamo per primo il Lorenzoni che all’andata ci aveva rifilato 17 pappine. Giochiamo bene fino al 10’ del secondo tempo contrastando e ripartendo senza timori reverenziali; subiamo appena 5 reti in 30 minuti e soltanto due corti. Anzi nei minuti iniziali del secondo tempo mettiamo sotto pressione le avversarie e al 7’ segniamo con Paola per poi sbagliare subito dopo la possibile rete del 2-5. Subiamo invece tre reti in due minuti e quindi, persa la concentrazione, altre 4 fino al termine per un 1-12 finale assolutamente immeritato.

La domenica mattina c’è lo scontro con la seconda squadra provinciale, il Mori-Villafranca, anche se di trentino ha solo lo sponsor e poco più. Giochiamo sicuramente meglio e mettiamo in estrema difficoltà le titolatissime avversarie. Passiamo addirittura in vantaggio con Martina su azione manovrata da corto ma gli arbitri (come al solito, a parte Cristina, abbastanza deficitarii) annullano avendo (erroneamente) visto lo stop all’interno dell’area. Passa invece il Villafranca ma le nostre non demordono ed al 19’ pareggiano con un rigore realizzato da Laura che era stata in precedenza atterrata dal portiere avversario. Nel secondo tempo ribadiamo colpo su colpo facendoci anzi preferire per il gioco sicuramente migliore; non riusciamo però a metterla dentro e così subiamo tre reti per il definitivo 1-4 ancora una volta bugiardo.

L’ultimo incontro con il Pisa ripete quello precedente con gioco equilibrato e con tante ripartenze della nostra squadra. Come al solito però contano di più i goal realizzati dalle pisane (6) rispetto alle tante occasioni non sfruttate dalla nostra squadra.

P1090819.JPG P1090853.JPG

Risultati 2a giornata: Lorenzoni-Riva 12-1 (1 corto a favore e 6 contro di cui uno realizzato), Villafranca–CUS Pisa 3-1, CUS Pisa-Lorenzoni 1-5, Villafranca-Riva 4-1 (1 corto a favore e 4 contro), Lorenzoni-Villafranca 4-2,  CUS Pisa-Riva 6-0  (1 corto a favore e 2 contro).

Classifica: Lorenzoni 15, Villafranca 12, CUS Pisa 9, HC Riva 0

Formazione: Micky Dacroce, Tessa Apollonio, Betta Calzà, Laura Risatti, Martina Bombardelli, Paola Zanzi, Femke Jepkes, Lilly Paronuzzi, Emi Michelotti.

Serie A maschile: l’Adige vince il girone e incontrerà il Villafranca.

Due vittorie ed un pareggio per l’Adige di Alberto e Luca nel girone di ritorno per la qualificazioniealle finali di serie A maschile. A differenza della prima tappa di metà dicembre la squadra moriana non ha evidenziato il suo abituale bel gioco che la qualifica tra le migliori  interpreti dell’ hockey ‘indoor’ nazionale. Solo nell’ultimo incontro contro il Padova si è visto qualcosa di più, giusto il necessario per riuscire ancora una volta a superarlo.

L’Adige conclude la qualificazione con 5 vittorie ed un pareggio, con il miglior attacco del girone (27 reti all’attivo) e la miglior difesa (17 al passivo). Luca ha segnato altre 5 reti  portando a 11 il suo bottino personale in 6 partite.

In semifinale a Rovereto l’Adige troverà il Villafranca, seconda dell’altro girone. Nell’altra semifinale si scontreranno il Bra ed il C.U.S. Padova.

Risultati 2a giornata: Savona-CUS Padova 1-3, Moncalvese-Adige 2-2 (reti di Risatti e Chiricosta), Adige-Savona 4-3 (Risatti, Natterman, Chiricosta e Bertolini), CUS Padova-Moncalvese 5-2, Moncalvese-Savona 6-4, Adige-CUS Padova 6-5 (Risatti 3, Natterman 2 e Jaroszewski).

Classifica: Adige 16, CUS Padova 9, Moncalvese 7, Savona 3.

Pin It on Pinterest

Share This