Pensieri di un nostro degno rappresentante della nuova avventura dell’Hockey Club Riva formata da Mami&Papi

“A volte le cose più belle capitano per caso.

Oggi vogliamo raccontarvi una bella storia fatta di sport, amicizia e occasioni. Tutto è cominciato dalla contemporanea qualificazione delle ragazze U14 del Riva e della Capitolina alla finale nazionale femminile che si è svolta a Mori.

Complice una simpatica rivalità a distanza tra le due squadre, i Mami & Papi del Riva hanno sfidato i genitori della Capitolina a confrontarsi sul campo del Riva per un amichevole all’ultimo sangue… si sa, non siamo più ragazzini e l’onore sul campo è diventato fondamentale, anche se poi ci divertiamo tantissimo ed il rispetto per gli avversari e il riportare a casa tutte le ossa sane sono due valori inconfutabili.

Dopo una lunga serie di whatsappate e messaggi su Messenger (conditi con prese in giro da entrambe le parti), siamo riusciti ad organizzare l’incontro/scontro tra le due compagini agguerritissime.

La partita si è svolta sul bellissimo campo di Sant’Alessandro del Riva, del quale i nostri amici romani hanno apprezzato la Guest House e la location immersa nel verde (nonché la lunga serie di trofei esposti in bacheca :-).

Nonostante la pioggia battente e le incessanti proposte da entrambe le parti di trasformare la partita in un ricco aperitivo, l’incontro si è svolto ugualmente, tanta era la voglia di entrambe le squadre Mami & Papi di scambiarsi due bastonate (hockeysticamente parlando ovviamente).

Da una parte la “giovanissima” per età e poca esperienza squadra del Riva e dall’altra la più titolata squadra della Capitolina, anche se a ranghi ridotti, ma pur sempre ricca d’esperienza.

L’incontro si è svolto senza esclusione di colpi, e nonostante i “rinforzi” della capitolina due U14/18 della Tevere (altra squadra romana) ed un nostro U12/U14 in prestito, la compagine dei Mami & Papi del Riva ha retto dignitosamente l’assalto, grazie al talento dei propri giocatori.

Il risultato finale? Un diplomatico 7 a 7 finito a “tarallucci e vino” nella Guest House e poi in pizzeria tutti insieme.

Ovviamente la cosa più bella è stata il passare insieme del tempo, parlando di hockey, sfottendosi a vicenda e godendoci il tempo passato insieme.

Tutti contenti di aver trasformato un occasione da passare come spettatori ad un momento coinvolgente dove ci siamo tutti divertiti e fatto amicizia. Il prossimo passo sarà quello di andare a trovare i nostri amici romani e sfidarli nella tana del lupo, oppure organizzare un torneo Mami & Papi qui a Riva del Garda.

Questo “nuovo” hockey, dove i genitori non sono più solo spettatori, ma anche protagonisti positivi di uno sport passato insieme sta diventando ogni volta sempre più bello. 

Un grazie agli amici della Capitolina per aver giocato insieme a noi.

Ps Non troverete delle foto significative a corredo di questo articolo, perché abbiamo più pensato a giocare ad hockey, mangiare e bere in compagnia, piuttosto che farci delle foto :-)”

Pin It on Pinterest

Share This